Bcc, firmato il contratto nazionale. Aumento di 435 euro per lavoratrici e lavoratori del credito cooperativo

La prima tranche di aumento verrà pagata a settembre. Una tantum per 1.200 euro a luglio. Il Focc sarà utilizzato anche per la staffetta generazionale. Avvio operativo della commissione ad hoc per la partecipazione. Sostegno alla sanità integrativa e miglioramento di alcune tutele sociali. Merlini e Pernisco: accordo lungimirante che segna continuità nelle relazioni industriali nel solco delle specificità di settore

First Cisl ha sottoscritto con Federcasse, insieme agli altri sindacati, l’accordo di rinnovo del contratto nazionale del credito cooperativo. È previsto un aumento a regime per un livello medio (3ª area professionale, 4º livello) di 435 euro mensili lordi. Per le lavoratrici e i lavoratori del settore, circa 36mila, si tratta di un incremento del 15% della retribuzione.

Retribuzione

La prima tranche di 300 euro sarà erogata nella busta paga di settembre 2024, seguiranno una seconda di 60 euro da gennaio 2025, una terza di 75 euro da gennaio 2026. Nel mese di luglio sarà corrisposta una tantum per un importo di 1.200 euro (3ª area, 4º livello).

Indennità cashless

Nelle filiali sprovviste di cassa tradizionale, per le lavoratrici/lavoratori che svolgono attività di supporto/complementari all’attività di cassa delle apparecchiature automatizzate, è stata prevista l’introduzione di una specifica indennità di rischio cashless pari a 80 euro (per 12 mensilità).

Orario di lavoro

Dal luglio 2025 è prevista una riduzione dell’orario di lavoro settimanale di 30 minuti a parità di retribuzione.

Focc – Fondo per l’occupazione del credito cooperativo

Oltre alla buona e stabile occupazione le risorse del Fondo per l’occupazione del credito cooperativo (Focc) verranno impiegate anche per sostenere economicamente la “staffetta generazionale”.

Prestazioni premorienza

Nuova misura di sostegno alle famiglie delle lavoratrici e dei lavoratori deceduti prematuramente.

Sanità integrativa

Previsione di un ulteriore contributo a sostegno della Cassa mutua nazionale, con l’impegno a sviluppare sull’ente un confronto di prospettiva e di sviluppo.

Diritti sociali

Le aziende agevolano sia la conoscenza che la fruizione di presidi e istituti a sostegno della famiglia e della genitorialità. Lavoratrici e lavoratori guariti da patologie oncologiche, ai sensi della Legge 193/2003, hanno diritto di non fornire informazioni (oblio oncologico) e non subire indagini in merito alla pregressa condizione patologica. Le giornate di assenza per effettuare terapie salvavita, per malattie oncologiche e/o per gravi patologie cronico-degenerative, non sono computate ai fini della determinazione del periodo di comporto.

Partecipazione

Le parti studieranno l’evoluzione delle norme nazionali ed europee sulla partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori alla vita delle imprese, attraverso una commissione ad hoc istituita.

Banca del tempo solidale – Bts

Le aziende aggiungeranno il 30% al numero di ore che le lavoratrici e i lavoratori verseranno volontariamente nella Bts.

Contrasto alla desertificazione bancaria

Viene demandato all’organismo nazionale bilaterale e paritetico sull’impatto delle nuove tecnologie/digitalizzazione/Ia nell’industria bancaria, l’impegno di individuare misure organizzative per il contrasto alla desertificazione bancaria.

Pari opportunità

Valorizzazione della normativa vigente sul tema delle pari opportunità e con particolare riferimento al contrasto alla violenza di genere, estensione a 12 mesi del congedo specifico di cui all’articolo 24, comma 1, del Decreto legislativo n. 80/2015.

Merlini e Pernisco: un contratto lungimirante che segna continuità nelle relazioni industriali nel solco delle specificità di settore

“L’accordo di rinnovo rappresenta un segnale di continuità nelle relazioni industriali nel sistema – commentano Pier Paolo Merlini, segretario nazionale First Cisl con delega alle Bcc, e Gianluca Pernisco, coordinatore nazionale settore CooperFirst – in cui le parti condividono nuove soluzioni normative ed economiche, confermando l’impianto contrattuale vigente che regola i rapporti di lavoro nel sistema del Credito Cooperativo e mantenendo e valorizzando le specificità del settore. L’aumento di 435 euro, il riconoscimento di arretrati, la riduzione dell’orario settimanale di lavoro, una rinnovata valorizzazione della bilateralità di sistema ed il tema della partecipazione sono tra gli elementi imprescindibili sui quali First Cisl ha profuso il suo impegno sin dalla realizzazione della piattaforma di rinnovo”.

 


Il comunicato First Cisl

L’infografica First Cisl che illustra i contenuti dell’accordo di rinnovo del Ccnl delle Bcc

Il comunicato unitario delle Segreterie nazionali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Ugl Credito e Uilca

Il testo dell’accordo di rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro 11 giugno 2022 per i quadri direttivi e per il personale delle aree professionali delle banche di credito cooperativo – casse rurali ed artigiane