Agi, soluzione Carige, First Cisl, si parli del nuovo piano industriale

“I problemi di Carige potrebbero essere stati risolti definitivamente”: questo il titolo del lancio di “Agi” che scrive: “Se tutti i tasselli del piano messo a punto da alcuni fondi di Blackrock andranno a posto, e se l’assemblea dell’istituto ligure darà il suo via libera, per Carige si prospetta un aumento da circa 720 milioni di euro. Di questi, circa 313 milioni arriveranno dal bond subordinato sottoscritto lo scorso novembre dallo Schema volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi, il cui cda ha dato ieri il via libera alla conversione”.

L’agenzia di stampa riporta la dichiarazione del presidente del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (Fitd), Salvatore Maccarone, dopo il via libera alla conversione del bond subordinato. “Un soggetto come Blackrock – ha detto Maccarrone – che ci mette una quantità di denaro importante… fa pensare che ci siamo”.

Salvataggio con quali conseguenze sui lavoratori ? E’ la domanda che le organizzazioni sindacali hanno posto e continuano a porre. “Agi” rilancia le dichiarazioni del segretario Sas del gruppo Carige, Alessandro Mutini: “Sul fronte delle buone notizie – afferma Mutini – ci hanno confermato che gli esuberi non saranno più di quelli previsti dall’attuale piano e che non ci saranno ulteriori interventi sulle retribuzioni dei lavoratori, che sono già fra le piu’ basse del sistema bancario”.

“È invece possibile – sottolinea l’agenzia di stampa – che salga il numero delle filiali da chiudere, specialmente in alcuni territori”, che, sottolinea Alessandro Mutini, “non verranno abbandonati: l’idea è di spostare il personale creando delle filiali più grandi”.

I dipendenti di Carige stanno febbrilmente seguendo l’evoluzione della vicenda  e c’è “preoccupazione per il clima interno”, conclude Mutini, il quale spinge affinchè “si apra una vera discussione, che al momento non c’è sul nuovo piano industriale”.