Stress Lavoro Correlato; dallo studio di Latina un convegno a Bologna

Giovedì 31 gennaio 2019, alle ore 10.00, nel Salone Bondioli della sede CISL di Bologna la First Cisl Emilia Romagna, in collaborazione con DirFirst, settore First Cisl dedicato alle alte professionalità e ai dirigenti di Banche, Riscossioni, Assicurazioni e Authorities, organizza un convegno dal titolo “Stress e benessere lavorativo – Manipolare con cura” che è anche il titolo di un libro pubblicato nel 2018 (Key Editore) a firma di Pasquale Lattari, Roberto Spanu e Marco Vitiello.

I tre autori tratteranno l’argomento sotto diversi aspetti: Pasquale Lattari, avvocato cassazionista, mediatore familiare e penale, interverrà per delineare il quadro normativo dello Stress da Lavoro Correlato. Roberto Spanu, psicologo del lavoro e delle organizzazioni, psicoterapeuta, illustrerà l’approccio psicologico all’argomento. Marco Vitiello, psicologo del lavoro e delle organizzazioni e docente presso la Scuola di specializzazione “Psicologia del Ciclo di Vita” dell’Università La Sapienza di Roma, illustrerà il Progetto sperimentale di analisi approfondita svolto nella provincia di Latina.

Il convegno sarà moderato da Fernando Gambale, responsabile DirFirst – First Cisl Emilia Romagna e sarà aperto con le relazioni di Sabrina Nanni, segretaria generale First Cisl Emilia Romagna e Tiziano Coco, responsabile DirFirst – First Cisl Nazionale. Le conclusioni saranno tratte da Maurizio Arena, segretario generale aggiunto di First Cisl.

Lo Stress da Lavoro Correlato colpisce particolarmente i dipendenti bancari, stretti tra l’esigenza di assicurare risultati di vendite, portare a successo gli aumenti di capitale e quella di rispettare norme sempre più stringenti emanate dallo Stato e dalla vigilanza che possono causare conseguenze patrimoniali e penali. Dall’indagine, realizzata dalla First Cisl di Latina su un campione di banche sul territorio, è emerso come la percezione dell’insostenibilità del lavoro raccolga il 56% dei dipendenti principalmente per lo stress (64%). Tra i fattori di rischio emerge la responsabilità personale del lavoro (67%).